Olio di Oliva: 4 cose da tenere a mente quando lo si acquista
Olio di Oliva: 4 cose da tenere a mente quando lo si acquista

Nel mondo di oggi è sempre più difficile effettuare una scelta: da un lato l'offerta di prodotti è immensa, dall'altro non abbiamo le informazioni necessarie per districarci in questa foresta di prodotti e scaffali. Infatti, anche quando si è alle prese con la scelta dell'olio da acquistare per la propria famiglia, automaticamente cominciamo a porci domande del tipo <<sarà salutare?>>, <<ma è veramente biologico?>>, <<come va usato?>>.. l'elenco potrebbe andare avanti all'infinito.

Quindi, oggi, vorrei mettere a vostra disposizione la mia esperienza in questo settore per aiutarvi a diventare consumatori di olio consapevoli. Ho, per questo motivo, individuato le 4 cose da tenere a mente che secondo me, più di tutte, possono facilitare la vostra scelta e consumo:

1) Occhio al "bollino":

Probabilmente vi sarete già accorti di quel piccolo bollino verde con una foglia fatta da stelle bianche. Infatti, è stato creato appositamente per essere il logo ufficiale dell'UE per i prodotti biologici. Per questo motivo, è un fondamentale simbolo che vi conferma velocemente che quel determinato prodotto (nel nostro caso l'olio) è prodotto e certificato in un regime di agricoltura biologica.

SCOPRI IL NOSTRO OLIO BIOLOGICO

2) Usatelo come condimento a crudo:

Spesso si è soliti vedere l'olio come qualcosa da usare per una determinata preparazione, come una frittura o sugo. Tuttavia, il modo migliore per preservare tutte le sue caratteristiche nutritive è quello di usarlo come condimento a crudo.

Infatti, l'olio di oliva pugliese, come quello ottenuto dalla cultivar Coratina (dal sapore deciso e pungente), è particolarmente indicato per condire e aggiungere sapore a piatti come le insalate, i legumi e i secondi, sia di carne che di pesce.

3) Attenzione alla provenienza:

Forse, la cosa più importante quando si sceglie l'olio, è dare un'occhiata alla provenienza delle olive. Infatti, spesso capita di imbattersi in oli "low cost" che, nonostante si presentino assai bene, nascondono un'amara sorpresa: sono spesso ottenuti mediante la trasformazione di olive non coltivate in Italia.

La prima impressione che potreste avere da questa rivelazione, durante l'esame di un'etichetta, potrebbe per molti di voi non essere così catastrofica. Tuttavia, da bravi italiani sappiamo bene che quando qualcosa è coltivata, raccolta e trasformata nel nostro paese questa filiera tutta italiana che percorrono i prodotti spesso è la migliore garanzia di trovarvi davanti a un olio di qualità che potreste avere.

4) Individuate il vostro produttore di riferimento:

L'olio è una cosa seria, guai a pensare che sia un semplice condimento. Infatti, se ci pensate bene, questo luccicante derivato delle olive accompagna la maggior parte dei nostri pasti, per non dire la quasi totalità (addirittura ci sono sempre più deliziose ricette di dolci preparati con olio d'oliva).

Per questo motivo, è importante per la nostra salute e per quella dei nostri cari prestare attenzione alla scelta di questo prelibato alimento, anche fidandosi di produttori che ci mettono la faccia e che ogni giorno sono intenti a mantenere la maggiore qualità del loro prodotto. Come noi di Lama San Giorgio.

SCOPRI IL NOSTRO OLIO BIOLOGICO