Olive dolci pugliesi: cosa sono?
Olive dolci pugliesi: cosa sono?

La storia delle olive dolci pugliesi arriva dai nostri nonni e parla di origini capaci di adattarsi alle possibilità del momento, di saper esaltare i sapori della terra e della straordinaria creatività che il vero bisogno scatena. Soprattutto questa storia parla del prodotto più amato della nostra terra: le olive. 

Noi, della Masseria Lama San Giorgio,  adoriamo le olive dolci pugliesi e oggi vi proponiamo varie ricette per prepararle e qualche consiglio su come conservarle. 

Vi ricordiamo che, per avere tutte le prelibatezze pronte a casa e con spedizione gratuita, vi potete sempre rivolgere a noi. Clicca qui e scopri le offerte di questi giorni.

 

OLIVE DOLCI PUGLIESI: ORIGINI

Quali sono le origini delle olive dolci pugliesi? Come già detto le origini provengono dal passato della Puglia ed è una ricetta che veniva preparata soprattutto dagli uomini anziani. La ricetta veniva preparata principalmente nei periodi autunnali, mettendo le olive direttamente sulla cenere del braciere. Il braciere era utile per riunire la famiglia, che si scaldava lì attorno, pervasi dall’odore delle olive. Una delle attività preferite, mentre attendevano che le olive fossero pronte, era raccontare storie e curiosi aneddoti.

Una volta che le olive erano pronte venivano tolte dal fuoco, schiacciate e poi condite. Il condimento era, ed è, rigorosamente con olio extravergine di oliva e aggiunta di sale. Alla fine si ottiene una crema succosa fatta di profumi e perfetta per ottimi crostini abbrustoliti. 

Le olive dolci si cucinano principalmente con un tipo specifico di olive, ovvero le olive Nolche. 

Che tipo di olive sono? Le olive Nolche sono tendenti al dolciastro, con un lieve retrogusto amarognolo che, come vi abbiamo già raccontato, è data dall’alta presenza di polifenoli. La loro polpa si riconosce in modo facile in quanto molto chiara e con delle sfumature rossastre, a differenza degli altri tipi di olive. Questo tipo di olive vengono coltivate principalmente nella zona del nord-barese, soprattutto a Molfetta, Andria e Bisceglie. 

 

COME SI CUCINANO LE OLIVE DOLCI?

Le olive Nolche sono perfette per essere fritte. Ma le olive fritte si possono fare con altri possibili olive, tra cui quelle nere. Sono utilizzate in diverse zone della Puglia.

Come già detto, la tradizione delle olive dolci pugliesi, si riaccende soprattutto con l’arrivo della stagione autunnale. Ma chi siamo noi per privarvi di questa bontà per il resto dell’anno? 

 

Ricetta olive dolci fritte:

La ricetta delle olive dolci fritte è semplice e prevede i seguenti ingredienti,

  • 100 gr di olive nere dolci (o Nolche) 
  • sale q.b.
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva (scopri qui il nostro olio pugliese bio al 100%)
  • 1 spicchio d’aglio
  • peperoncino in polvere

Il procedimento è semplice, bisogna prima di tutto assicurarsi che le olive siano pulite in modo accurato per poi essere scolate e asciugate per bene. 

Versare olio abbondante in un tegame e farlo soffriggere leggermente. Dopo di ciò aggiungere le olive e l’aglio intero. Lasciar cuocere per circa 15 minuti, per poi aggiungere sale in modo abbondante. Aggiungere il peperoncino in polvere e poi mischiare per bene il tutto. 

Attendere che le olive si inizino a sfaldare ed ammorbidire, per poi servirle calde. 

Le olive dolci fritte sono ottime come antipasto e possono essere mangiate con del pane abbrustolito, o vi suggeriamo anche delle buone verdure grigliate. Da provare con la zucca fatta al forno o con degli ottimi pomodorini secchi, ma non troppo salati. 

 

Ricetta olive al forno:

Le olive dolci pugliesi al forno si possono fare in molte varianti e anche queste sono perfette come antipasto, per un aperitivo creativo e come sfizioso contorno per accompagnare pietanza con carne bianca.

Gli ingredienti per la ricetta delle olive dolci sono: 

  • 500 gr di olive nere
  • sale q.b.
  • acqua q.b.
  • pepe q.b.
  • prezzemolo tritato
  • 1 spicchio di aglio 
  • aceto di vino 250ml 

La preparazione richiede un po’di tempo ma è molto semplice. Si parte incidendo la polpa delle olive, che vanno poi posizionate in un recipiente pieno di acqua. Questo procedimento durerà 7 giorni e l’acqua deve essere cambiata di tanto in tanto. Questo è utile per togliere l’amaro dalle olive e per ammorbidirle. 

A fine dei 7 giorni sciacquare le olive nere con l’aceto di vino per poi scolarle bene. Posizionarle su un ripiano da forno, ricoperto con carta forno. Mettere le olive in modo che non si tocchino o accavallino e condire con un filo d’olio. Far cuocere 20 minuti a 150°, per poi tirarle fuori e metterle in una ciotola. Condire con sale, pepe, aglio e prezzemolo. Mescolare per bene e se c’è bisogno aggiungere ancora dell’olio. Attendere che si raffreddino e servire. 

 

COME CONSERVARE LE OLIVE DOLCI?

Per conservare le olive dolci la ricetta precedente, delle olive dolci al forno, è il procedimento ideale. Dunque una volta condite e raffreddate basterà inserirle in dei barattoli sterilizzati in precedenza. Devono essere chiusi ermeticamente. Lo stesso si può fare anche con delle olive prima ammorbidite e passate al forno, inserendo del sale grosso per far sì che si ammorbidiscono e insaporiscono ulteriormente.

Come sapori alternativi si possono aggiungere delle scorze di arancia o fresche o anch’esse passate al forno. Si possono aggiungere dei capperi o altre spezie per rendere uniche e particolari le olive dolci. 

Per avere un sapore di puglia a casa tua, con spedizione gratuita, ti consigliamo di dare subito un’occhiata ai nostro prodotti di qualità e pugliesi al 100%.

 

Ancora una volta vi auguriamo: Buona Degustazione!

  

SCOPRI IL NOSTRO OLIO BIO

 

Altri articoli del nostro agri-blog:

 

I nostri video: